Canzone dell’amore perduto – Fabrizio De Andrè

By 25 settembre 2016Mascia, Musica
spoiler-ombraridendo

SPOILER!


La “Canzone dell’amore perduto” accompagna i dubbi che attanagliano Luigi Ferrari sul suo rapporto con Caterina Sandrelli. E’ il caso di proseguire, ora che ha constatato che la cosa si è fatta veramente importante per lui? L’ultima cosa che vuole è farle del male. Ma a questo punte urge una decisione irrevocabile: lui dirà a Caterina dei suoi problemi, non farlo sarebbe disonesto, deve trovare la forza e il coraggio per farlo.

Sono questi i dubbi che tengono sveglio, nel ventiduesimo capitolo, Luigi. E’ il 22 ottobre 2014 e lui sono due ore che si rigira nel letto.E allora decide che è molto meglio rilassarsi con la music. Si avvicina al suo giradischi ed estrae un vinile dalla libreria della sua scrivania. Le parole di De Andrè forse sono propedeutiche per ciò che accadrà nelle pagine successive?

Ma sarà la prima che incontri per strada

«L’amore che strappa i capelli
è perduto ormai,
non resta che qualche svogliata carezza
e un po’ di tenerezza»

Questo è un amore finito, che può sembrare insostituibile. Un amore che è giunto al capolinea (e sembra che corrisponda, per De Andrè, alla fine del suo primo matrimonio con Enrica Rignon) dopo l’intensità delle “nostre parole, non ci lasceremo mai, e poi mai, e poi mai“.

Al rimpianto per la fine di questo grande sentimento segue l’innamoramento successivo per un’altra donna:

«Ma sarà la prima
che incontri per strada che tu
coprirai d’oro,
per un bacio mai dato
per un amore nuovo»

Solo tu puoi raffreddare il mio desiderio

Non si può non notare che, seppure Fabrizio De Andrè abbia registrato alla SIAE questo brano come interamente suo, l’incipt iniziale abbia tratto ispirazione dal Concerto in Re magg. per tromba,archi e continuo di G.F.Telemann (provare per credere).

Leave a Reply