La città di Rava Ruska

By 25 settembre 2016Luoghi, Mascia
spoiler-ombraridendo

SPOILER!


Nel sesto capitolo viene raccontata la storia di Valechka Mikhnevich, la “Valentina” del banco al mercato Gianicolense che fornisce le verdure a Luigi Ferrari. Rava Ruska è la cittadina ucraina, al confine con la Polonia, dalla quale proviene la ragazza. Arrivata in Italia anche per dimenticare una brutta storia d’amore ma soprattutto per aiutare economicamente i propri anziani genitori.

Rava Ruska o Rawa Ruska

Rava-Ruska (Ucraino: Рава-Руська, translit Rava-Rus’ka; polacco: Rawa Ruska; Yiddish: ראווע, Rave) è una città della provincia di Zhovkva Raion, nella regione Lviv Oblast dell’Ucraina occidentale. Si tratta di una città di confine tra l’Ucraina e la Polonia. Il valico di frontiera si trova a 8 km (5 miglia) ad ovest della città, lungo l’autostrada internazionale di Varsavia – Leopoli. Ha una popolazione di 8.426 abitanti.

L’Olocausto e le deportazioni

Il 14 settembre del 1939, durante l’invasione della Polonia, Rava-Ruska è stato invaso dalle milizie della Wehrmacht. Le truppe tedesche lasciarono la città pochi giorni dopo in conformità con il trattato di frontiera tedesco-sovietico, e Rava-Ruska fu occupata dalle forze sovietiche. Un anno e mezzo più tardi, fu stata nuovamente ripresa dai tedeschi il 28 giugno 1941 durante l’attacco tedesco sulle posizioni sovietiche in Polonia orientale, che ha segnato l’inizio dell’Operazione Barbarossa.

La città è stata incorporata poi nel territorio Governo Generale. Nel marzo 1942, il vicino campo di sterminio di Belzec iniziò le sue operazioni di sterminio, e alla fine del mese, il primo treno Olocausto con 1.000 ebrei lasciò Rawa Ruska per Belzec.

Molti residenti ebrei sono furono uccisi a Belzec in ulteriori deportazioni. Circa 5.000 ebrei polacchi di Rava-Ruska furono uccisi nel corso di un rastrellamento tedesco tra il 7 e l’11 dicembre 1942. L’ultima esecuzione degli ebrei avvenne nel giugno 1943, durante la quale 300-400 ebrei furono giustiziati in un bosco fuori dal paese.

La battaglia di Rawa (scritta anche -Rava, -Rawa-Ruska o -Rava-Ruska) fu uno scontro combattuto durante la fase iniziale della prima guerra mondiale.

Il combattimento vide contrapposte dal 3 all’11 settembre 1914 le truppe russe a quelle austro-ungariche. I russi ebbero la meglio e obbligarono i loro nemici a ritirarsi fino ai Carpazi. La battaglia fu una parte di una serie di battaglie comunemente nota come battaglia di Galizia.

La 4ª armata austro-ungarica, comandata dal generale Moritz Auffenberg von Komarów, dopo aver vinto a Komarów, fu inviata verso sud per supportare la 3ª armata, comandata dal generale Rudolf von Brudermann, che aveva subito molte perdite. Questo spostamento creò un varco tra la 1ª armata, guidata da Viktor Dankl von Krasnik, e la 4ª armata austro-ungarica, che fu prontamente sfruttato dalla 3ª armata russa, agli ordini di Nikolai Ruzsky.

Nei pressi di Rava-Ruska, nell’odierna Ucraina, nove divisioni austro-ungariche si scontrarono con altrettante divisioni russe. Le unità comandate da Auffenberg riuscirono a mala pena a evitare l’accerchiamento, pagando il prezzo di una lunga ritirata e una grande perdita di uomini ed equipaggiamento.

A supporto della 4 armata comandata da Auffeneberg era posto anche il XIV Corpo d’armata sotto il comando dell’arciduca Giuseppe Ferdinando che includeva la 8. Infanterietruppendivision e la 3. Infanterietruppendivision di cui facevano parte i reggimenti di Kaiserjaeger. Circa la metà dei soldati dei reggimenti Kaiserjaeger erano di nazionalità italiane e provenivano dal Trentino. Le perdite dei reparti impegnati nella battaglia furono molto alte. In uno scontro che si svolse il 7 settembre 1914 a tra Hujcze e Zaborcze il 2º reggimento Kaiserjaeger venne quasi interamente distrutto. Questo rese possibile al resto delle truppe di completare la ritirata. Il comandante del 2° Kaiserjaeger Alexander Brosch Edler von Aarenau cadde sul campo di battaglia e venne insignito della medaglia d’oro.

Per la sconfitta venne incolpato Auffenberg, sebbene fosse stato il generale Franz Conrad von Hötzendorf ad ordinare di correre in aiuto verso la 3ª armata. Rawa-Ruska fu successivamente riconquistata dagli Imperi centrali il 21 giugno 1915.

Leave a Reply